menu

11.04.2022

CADAVERE NEL PO, E’ANCORA MISTERO SULL’IDENTITA’ DELLA DONNA

Rimane ancora senza identità la donna il cui cadavere è stato rinvenuto una settimana fa tra le acque del Po a Occhiobello, in provincia di Rovigo, mutilato e all’interno di una valigia. Inizialmente le indagini si erano concentrate sugli abiti, ridotti comunque a brandelli, trovati addosso al corpo che la secca del grande fiume aveva riportato in superficie. Vestiti dai colori sgargianti, viola e blu con paillette, dai quali però al momento nulla è emerso di utile per dare un ...nome e un’identità certa alla donna. Scartata la possibilità che possa trattarsi di una delle persone recentemente scomparse dal Veneto e dalle regioni limitrofe, gli inquirenti stanno allargando sempre più il raggio delle ricerche con la possibilità, però, che possa trattarsi di una clandestina; che in quanto tale non abbia mai registrato il suo arrivo in Italia. Se così fosse, darle un’identità sarebbe oltremodo arduo e lo si potrebbe fare non prima di aver incrociato le richieste di ricerca di persone scomparse, in Italia ma a questo punto anche all’estero. Negli ultimi giorni si era parlato della possibilità che la donna fosse Andrea Alice Rabciuc, 27enne anconetana scomparsa da casa da oltre un mese ma anche in questo caso gli approfondimenti hanno portato all’esclusione di questa ipotesi. Il medico legale da una prima analisi aveva confermato che quello rinvenuto nella borsa è un cadavere di donna di circa trent'anni, morta non più di due mesi fa. Dettaglio questo che subito aveva permesso di escludere che il corpo potesse essere quello di Samira el Attar, la mamma marocchina uccisa dal marito a Stanghella, in provincia di Padova, nel 2019; non può trattarsi nemmeno di Saman Abbas, la giovane di origini pachistane scomparsa da Novellara, in Emilia Romagna, il 30 aprile dello scorso anno. Esclusa infine anche l'ipotesi che potesse trattarsi di Isabella Noventa, uccisa nel 2016. Le indagini vanno avanti, si attendono gli esiti dell’esame del DNA e di quello sullo scotch usato per legare la donna. Da qui, oltre che sulla sua identità, si va alla ricerca anche di dettagli per identificare l’autore, o gli autori del macabro omicidio. Qualcuno che al momento continua a vivere libero, indisturbato e impunito per aver ucciso in maniera così brutale questa giovane donna.

Servizi 11 Aprile 2022

01/08/2022 TG Rovigo

Telegiornali