menu

28.03.2022

ADRIA (RO) – NUOVE TRIVELLAZIONI SUL DELTA DEL PO, I SINDACI DICONO “NO”

La Russia chiude i rubinetti di gas e anche l'Italia cerca nuove aree dove estrarre per trovarlo. Ecco allora che si ritorna a parlare di trivellazioni vicino al Delta del Po, territorio che tra il 1950 e il 2008 si è abbassato di tre metri e mezzo proprio a causa delle estrazioni passate. Ecco allora che i sindaci ricorrono al Tar per impedire che le trivelle ripartano ma dal ministero sembra, come sottolineano i consorzi di bonifica del territorio, che ...la volontà sia diversa. Una volontà messa nera su bianco in un recente documento proposto da Roma. Tra i 48 vincoli di esclusione inseriti nel piano, che impediscono lo sfruttamento in diverse zone del paese, c'è anche quella che comprende le zone di pregio agricolo e tutto il golfo di Venezia, tra il delta del Po e il Tagliamento, dove si teme che l’estrazione possa incrementare i fenomeni di subsidenza, ossia l’abbassamento del suolo. Due chilometri a monte però, come sottolineato dai vertici dei consorzi di bonifica polesani, l'estrazione potrebbe essere nuovamente concessa. I sindaci chiedono aiuto e si appellano alla giustizia, i consorzi stessi chiedono l'intervento di esperti che possano valutare se estrarre nuovamente o meno, basandosi però su dati reali. Quelli forniti, secondo Mantovani, non sarebbero corretti; e la soluzione resta una sola e punta al coinvolgimento di esperti.

Servizi 28 Marzo 2022

20/06/2022 TG Rovigo

06/06/2022 TG Rovigo

Telegiornali