menu

14.02.2022

UCCISE IL PADRE, CONDANNATA LA FIDANZATA

Avrebbe giocato un ruolo fondamentale nell'omicidio del padre del suo fidanzato all'ora minorenne, Annalisa Guarnieri 27enne di Adria è stata condannata a 21 anni di reclusione.
È il 4 febbraio di un anno fa, quando in questo campo rom di Sant'Apollinare, frazione di Rovigo, avviene la tragedia: un figlio che ammazza il padre a colpi di machete. Annalisa da poco abitava in una di queste roulotte con il fidanzato 17enne. Qualche attrito con la famiglia, forse per questione di soldi. ...Quella sera secondo quanto ricostruito dal pm, Annalisa Guarnieri avrebbe incitato il fidanzato a compiere il folle gesto nonché aiutato a reperire l'arma del delitto: due machete di mezzo metro, uno l'ha usato per minacciare la madre ed i fratelli del suo ragazzo, per tenerli lontani mentre il giovane con l'altra arma si rivolgeva verso il padre Eddis Cavazza, 45enne sinto. L'uomo ha cercato inutilmente di scappare verso l'abitazione di un vicino. Colpito alla clavicola sinistra dal figlio si accasciò vicino al cancello di questa casa. Poi la fuga dei due fidanzati fermati dopo tre ore dalla polizia. Un anno dopo la sentenza del processo di primo grado. La giovane di Adria è stata condannata a 21 anni di reclusione nonché a pagare un risarcimento di 1,8 milioni di euro, pari 300 mila euro a testa per la madre ed i cinque figli della vittima. Il processo a carico dell'ex fidanzato, nel frattempo diventato maggiorenne, è tuttora in corso al Tribunale per i minori di Venezia.

Servizi 14 Febbraio 2022

21/11/2022 TG Rovigo

14/11/2022 TG Rovigo

07/11/2022 TG Rovigo

Telegiornali